Per gli appassionati di corsa suggeriamo un bel percorso di 8 chilometri, un'esperienza nella natura più bella di queste zone precollinari tra Scansano e il fiume Ombrone. Questo tracciato ispira un'esperienza assolutamente contemplativa oltre che l'esercizio fisico.

Dimenticate quindi gli auricolari con la musica e immergetevi nei suoni della natura: correre con il piacere della scoperta...

 8 Km

distanza

1 ora

a ritmo 6'30'' per Km (ca)

130 m

dislivello

 Strada

asfaltata, ghiaia, pietrame

La zona è quella di Poggio Cavallo, Colle al Vento, Val di Rigo. La strada si dipana sulla corona di colline proprio qui di fronte alla tenuta e sui crinali della veduta che si gode dalle camere dell'agriturismo. Se siete sportivi e avete già goduto da qui del panorama, forse vi piacerà correrci incontro: la mattina presto o magari appena prima del tramonto. Si parte verso sud e si ritorna da nord, un anello non lunghissimo che vi fa scoprire panorami tutti nuovi, proprio come piace ai runner più esploratori e agli amanti del trekking. Se vi piace di più la bicicletta, potrete assolutamente farla anche in mountainbike.

A corsa o a piedi impiegherete dai 40 ai 120 minuti. Passerete dalla pianura coltivata a granturco o girasoli, alla collina con vigne e uliveti, il colle al vento con gli allevamenti di bovini, i prati con le greggi del caseificio, ruscelli e un breve tratto nel bosco di querce. Non di rado si incontrano daini e lepri.


Il percorso

Si parte: scendete il pendio di Poggio cavallo fino ai cartelli sotto ai cipressi secolari e svoltate a destra. La strada provinciale è poco trafficata, state sulla banchina di sinistra e percorrete un chilometro; la salita è solo di riscaldamento; dopo le pecore svoltate a sinistra sulla strada dello Scopetone. Dimenticatevi del traffico e godetevi questa serpentina tra cipressi e uliveti: da qui comincia il panorama. Si vede tutta piana maremmana, fino al mare, con la città di Grosseto e il letto dell'Ombrone; nelle belle giornate si vede bene Castiglione della Pescaia, l'Isola d'Elba e anche Montecristo. La salita è intervallata da pianori che vi faranno riprendere fiato.
Seguite il percorso sulla mappa (sotto). Arrivate fino in cima, ci sarà un discesone che si affaccia su Val delle Rose e poi la salita più difficile che vi porterà fin sopra a Poggio al Vento. La zona è abitata e i cani che sentirete sono sempre chiusi nelle recinzioni. Al casale di Poggio al vento la strada diventa sterrata ma ben percorribile: inizia la discesa. Passate dalla boscaglia fino ad un piccolo guado, solitamente sempre asciutto. Dopo, la strada torna asfaltata, proseguite nel querceto, sulla sinistra qui al km 6 un tempo si trovava il mulino di Poggio Cavallo. Al km 7,2 quasi alla meta, riprendete fiato e bevete alla fonte: è una delle acque più buone della Maremma, vengono a imbottigliarla dalla città, e a volte c'è anche la fila. Proseguite sulla dritta e qui ritrovate la strada provinciale Sante Mariae da dove siamo partiti, con i cartelli e i cipressi della Tenuta di Poggio Cavallo sulla destra. Bentornati.

La descrizione è sommaria ed evocativa, per orientarvi seguite il percorso esatto dalla mappa wikiloc qui di seguito.


Consigliamo il percorso a chi ha una media esperienza e allenamento, considerate metà in salita e con un dislivello cumulativo di circa 130 metri. Per maggiori dettagli vi invitiamo a visionare il percorso esatto che abbiamo registrato su Wikiloc, qui sotto.

Le foto del percorso che vedete di seguito, sono state scattate in un unica giornata di novembre, anche se sembra estate. Un ritmo di corsa di 6'40'' per chilometro, incluse le pause per scattare queste foto con lo smartphone: vediamo se riuscite a fare di meglio.

 

Galleria


Powered by Wikiloc

Follow @Poggiocavallo on Instagram: Our latest updates...

Chiama
Guida
Contatta